Una specialità oltrepadana: il bonarda

Il Bonarda dell’Oltrepò pavese è un vino DOC la cui produzione è consentita solo nella provincia di Pavia; il vitigno utilizzato per la sua produzione è la Croatina detta comunemente Bonarda nelle zone dell’Oltrepò pavese oppure del Piacentino.

Già considerato una tipologia della DOC dell’Oltrepò pavese, con Decreto Ministeriale 03/08/2010, ha ottenuto la denominazione di Doc a sè stante: in precedenza era infatti conosciuta con la dicitura Oltrepò pavese Bonarda.
L’origine del termine Bonarda è incerta, secondo alcuni esperti sembra risalire al patronimico longobardo Bono con l’aggiunta di “hard”che in longobardo significa “coraggioso/forte”.
I Longobardi ebbero, infatti, come Capitale del loro regno Pavia e i loro domini si estendevano fino all’Oltrepò.
Il fatto poi che questo vino sia ricavato da uve che portano il nome di Croatina sarebbe un rimando all’usanza di bere il vino prodotto da queste uve nel giorno in cui si indossava la CRAVATTA e più precisamente la domenica!!!

Teniamo inoltre presente che questo vino è prodotto con uve della varietà Croatina dell’Oltrepò pavese da non confondere, quindi, con il Bonarda delle colline piemontesi prodotto con altre varietà di uve.

Questo vino si presenta di colore rosso rubino intenso, gradevole all’olfatto con delicato sensore di lieviti, abbastanza sapido, fresco ma talvolta frizzante, secco oppure amabile ed, infine, leggermente tannico.
Presenta un estratto secco minimo del 20‰, con titolo alcolometrico minimo delle uve intorno ad un 11 % mentre il titolo alcolometrico naturale è leggermente inferiore intorno al 10,5 %;la resa massima di uva per ettaro si presenta intorno ai 105 q mentre la resa massima dell’uva risulta essere del 65%
La versione più diffusa risulta quella vivace/frizzante che si abbina a salumi e carni ma persino a primi piatti quali paste con sughi di carne e pomodoro, risotti di carne e/o legumi e ravioli di carne anche se in brodo.
Esiste anche una versione più corposa e strutturata, molto più ferma per intenderci (quale il Gaggiarone prodotto sul colle omonimo di Rovescala) da accompagnare a carni rosse e salumi.


Fonti: wikipedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.