Recensione dell’evento visita e merenda alla cantina Scuropasso

A distanza di alcuni giorni vogliamo proporvi una recensione circa l’evento al quale abbiamo avuto modo di partecipare presso la Cantina Scuropasso sita nel Comune di Pietra de’ Giorgi (PV) in frazione Scorzoletta lo scorso 16 settembre.

Presso l’azienda Cantina Scuropasso abbiamo avuto modo di partecipare ad una visita guidata della Cantina seguita da una ricca e gustosa merenda!!!

L’azienda nasce nel 1962; per molti anni ha svolta una attività di elaborazione di basi spumante è stata un “serbatoio” per famosi spumantisti piemontesi, per poi specializzarsi nella produzione di vino spumante Metodo classico da Pinot nero della valle Scuropasso decidendo di utilizzare un nome-simbolo che racconta già da solo il territorio: nasce infatti la linea Roccapietra per valorizzare al meglio la produzione e in particolare la vocazione della loro vallata.

Oggi Cantina Scuropasso lavora direttamente 15 ettari di vigneti e acquista uve solo da conferitori storici, legati alla cantina fin dal lontano 1963. La sua produzione punta sulla qualità e non sulla quantità: 100.000 bottiglie/anno, di cui 10.000 bottiglie sono di Metodo Classico.

Accolti dalla estrema cortesia del titolare dalla Cantina, il Sig. Fabio Marazzi, siamo stati accompagnati da lui e da alcuni suoi valenti collaboratori e familiari presso la struttura di lavorazione delle uve che qui giungono dalle diverse vigne di proprietà della famiglia che svolge questo lavoro ormai da più di tre generazioni consecutive.

 

Dopo una interessantissima descrizione di tutto il metodo di raccolta, lavorazione, fermentazione e conservazione del prodotto abbiamo avuto la possibilità di assaggiare alcuni eccellenti vini frutto della passione della famiglia Marazzi: in particolare vogliamo citare qui di seguito il Roccapietra Brut 2010, il Roccapietra Zero Pas Dose nato dalla predilezione di Marazzi per il Pinot nero nella sua anima più vera e sincera, il Roccapietra Cruasè ed infine il Buttafuoco (annata 2012) in quanto è d’obbligo segnalare il fatto che la Cantina Scuropasso sia entrata a far parte recentemente del Consorzio del Buttafuoco Storico organizzatore dell’evento in questione.

Tutte queste degustazioni di vini erano accompagnate da ogni sorte di leccornie tra le quali vogliamo segnalarvi ottimi piatti di salumi quali prosciutto cotto, coppa e salame, poi gustosissime focacce tra le quali l’immancabile focaccia coi ciccioli.
Altre prelibatezze erano le acciughe sott’olio, il gorgonzola e…. per concludere il pane con l’uvetta accompagnato dall’assaggio del mosto di quest’anno!!!

Parlando della nostra degustazione esprimiamo con ordine le nostre opinioni: per quanto riguarda il Brut, di colore giallo paglierino dai bei riflessi dorati, l’intervento della liqueur è piuttosto percepibile; in ogni caso il pinot nero si fa sentire con i suoi frutti di bosco a bacca nera.

Il Roccapietra Zero Pas Dose si presenta con colore dorato e una bollicina molto fine. Il profumo è da pinot nero, un’uva che anche se vinificata in bianco non rinuncia ai suoi sentori originali di frutti di bosco. Ideale per chi ama i non dosati, l’acidità ben equilibrata con una struttura non indifferente restituisce una equilibrata morbidezza propria del vino. Un grande Metodo Classico.

Il Cruasè ha invece un colore che ricorda quello del chiaretto e un intenso profumo di frutti di bosco a bacca rossa, a partire dal lampone. Ci aveva già convinto all’evento a Fortunago dell’8 settembre, e ci ha convinto maggiormente dopo questa ulteriore degustazione. Sicuramente un’ottimo brut rosè che non può mancare nella propria cantina!

Il Buttafuoco di colore rubino scuro emana sentori di mora e di mirtillo. In bocca è disteso, lungo, generoso e si lascia degustare veramente con piacere. Ottima persistenza.

 

Insomma cosa altro dirvi? Provate questi ottimi vini e difficilmente non ritornerete ad acquistarli!!!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.