La “sera delle sette cene”

La sera delle sette cene è una tradizione tipica dell’Oltrepò Pavese e si festeggia la sera del 23 dicembre, Antiviglia di Natale.
Sin dal Medioevo in Oltrepò Pavese la sera del 23 dicembre i contadini erano soliti preparare un pasto abbondante ma “magro2, composto da sette portate.
Gli ingredienti erano poveri e tipici della natura e del territorio locali, quali noci, aglio, cipolle e pane.
Il numero sette delle portate richiama i vizi capitali, le ore di luce in inverno ed i giorni della creazione.
La cena aveva risvolti che si collegavano agli antichi riti pagani dei saturnali, quando si ricordava la fine della fase discendente del sole all’orizzonte e l’inizio della fase ascendente che terminava con il solstizio d’estate.
Le portate servite in quel pasto erano generalmente le seguenti:
• Insalata di barbabietole, peperoni e acciughe
• Torta di zucca che con il suo colore richiamava il sole e la sua energia
• Cipolle ripiene
• Merluzzo con l’uvetta
• Fasce del Bambino con l’agliata
• Formaggetta con mostarda
• Pere ghiacciolo cotte con le castagne
In occasione di questa cena, il capofamiglia era solito deporre sulla tavola un grosso miccone di pane, contraddistinto da un bastoncino, che veniva spezzato al termine della cena e distribuito a tutti i commensali per essere consumato. Proprio per richiamare il carattere di sacralità del pane, si era soliti conservare i pezzi di pane avanzato che venivano dati in pasto agli animali il 17 gennaio, giorno della festa di Sant’Antonio Abate. Tutto ciò aveva lo scopo di proteggere le persone e gli animali domestici da malattie e altri problemi di salute.
In questo troviamo anche del pesce poiché l’Oltrepò è posizionato geograficamente sulla cosiddetta “via del sale” che univa Genova a Varzi e infine a Pavia e lungo questa via di comunicazione erano soliti transitare i commercianti di sale i quali trasportavano nelle nostre terre i prodotti ittici della costa conservati appunto con il sale.
Cerchiamo, insomma, di conservare e tramandare alle future generazioni queste tradizioni della nostra zona!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.