Fortunago, tra i borghi più belli d’Italia

Fortunago (Fortünagh in dialetto oltrepadano) è un comune italiano di 380 abitanti della provincia di Pavia in Lombardia. Situato nell’Oltrepò, sulle colline che dividono le valli della Coppa e dell’Ardivestra, fa parte del club de “I borghi più belli d’Italia“.

Noto fin dal X secolo, Fortunago aveva signori locali, vassalli del vescovo di Tortona, ma nel 1164 entrò a far parte del territorio soggetto alla città di Pavia. Nel XIV secolo era feudo della famiglia pavese Giorgi (tale feudo comprendeva anche Borgoratto); invece le attuali frazioni Gravanago e Sant’Eusebio erano comuni, appartenenti alla locale famiglia Ruino, ancora vassalla del vescovo di Tortona.

Nel XV secolo fu infeudato successivamente ai Dal Verme, a Girolamo Riario, signore di Forlì ed Imola, e infine ai Botta che, acquisendo anche i feudi di Gravanago, Montepicco (comprendente Sant’Eusebio), Rocca Susella e Stefanago dal vescovo di Tortona (anch’egli un Botta), nonché Staghiglione (vedi Borgo Priolo), crearono un vasto feudo, elevato ben presto a Marchesato. Nel 1546 esso fu acquistato dai Malaspina di Oramala, già marchesi di Godiasco.

Unito con il Bobbiese al Regno di Sardegna nel 1743, in base al Trattato di Worms, entrò a far parte poi della Provincia di Bobbio. L’estesa e potente signoria, dotata di larga autonomia fiscale e giurisdizionale, fu soppressa nel 1797. Nel 1801 il territorio è annesso alla Francia napoleonica fino al 1814. Nel 1859 entrò a far parte nel Circondario di Bobbio della provincia di Pavia e quindi della Lombardia.

Nel 1818 sono aggregati a Fortunago i soppressi comuni di Gravanago e Montepicco, mentre nel 1923 venne smembrato il circondario di Bobbio e suddiviso; Fortunago passò al circondario di Voghera.

Le facciate delle case in pietra a vista, le strade in mattonelle di porfido, l’illuminazione curata e soffusa, l’abbraccio del paesaggio collinare che alterna boschi di Roverella a vigneti e campi di frumento rendono il borgo di Fortunago una piccola oasi dove lo scorrere del tempo appare rallentato.

Fortunago è stato inoltre location del film Il Capitale Umano di Paolo Virzì. Alcune delle scene della pellicola sono state girate presso la Villa “La Dominante”, posizionata in località Montebelletto, all’interno del territorio comunale.

Approfittate di una visita al borgo arricchito dalla cinta muraria dell’antica Rocca, dalla cinquecentesca Chiesa Parrocchiale, dall’Oratorio del XVII secolo, dal municipio ricavato da un’antica casa – forte per poi scoprire le numerose frazioni graziosamente disseminate sulle colline circostanti.

Nel Luglio 2015 a Fortunago è stato battuto il singolare record di preparazione e cottura dell’agnolotto più pesante del mondo. Un gruppo di cuochi, guidati dallo chef locale Danilo Nembrini, ha prodotto un agnolotto di 148 kg battendo così il precedente record detenuto dallo chef russo Alexei Semenov, che in precedenza a San Pietroburgo aveva preparato e farcito un agnolotto dal peso di 20 kg.
Tra i piatti tipici della cucina locale spiccano il salame di Varzi, i  malfatti, il brasato in umido con spezie ed il vino bonarda.

fonte: Wikipedia

2 pensieri riguardo “Fortunago, tra i borghi più belli d’Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.